#Fashion #luxury #mobili

I marchi di lusso devono vendere sull’e-commerce in Cina

Last modified: March 3, 2022

Tendenze chiave nell’e-commerce

I marchi di lusso stanno cercando nuovi modi per far fronte allo stress causato dalla pandemia, che ha reso difficili i viaggi internazionali. Per generare vendite, decine di marchi di lusso, tra cui Gucci e Montblanc, hanno aperto negozi online in Cina.

Secondo il rapporto 2019 di McKinsey, la Cina rappresenta circa un terzo del mercato globale dei marchi di lusso. I loro acquisti tendono ad essere fatti durante i viaggi all’estero.

Pablo Mauron, amministratore delegato di Digital Luxury Group China, ha detto che otto anni fa non era possibile vendere il lusso online. Nel mercato di fascia alta, il “tocco e il servizio in negozio” è più importante che mai. Ha detto che Covid-19 ha davvero contribuito ad accelerare molte cose.

Il rapporto 2020 di Bain & Company mostra che il mercato globale dei beni di lusso è diminuito del 23% entro il 2020. Questo è un nuovo record. Il valore dell’industria dei beni di lusso personali è sceso da 281 miliardi di euro a 217 miliardi di euro tra il 2019 e il 2020. La Cina è l’unico paese che ha visto una crescita continua della sua industria del lusso. Il mercato cinese dei beni di lusso personali è cresciuto del 45% all’anno fino a 44 miliardi di euro. Bain & Company stima che la Cina potrebbe diventare il più grande mercato di beni di lusso del mondo entro il 2025.

I maggiori acquirenti di beni di lusso in Cina sono attualmente i millennials e la Generazione Z. I media nazionali riferiscono che il numero di beni di lusso venduti tramite piattaforme digitali in Cina è aumentato di circa il 150%, dal 13% nel 2019, al 23% nel 2020. La piattaforma di shopping Tmall riferisce che il 70% dei millennial spende nella categoria del lusso.

Anche Wechat, la piattaforma di social networking più popolare in Cina, ha contribuito alla digitalizzazione dei marchi di lusso in Cina. Nel 2019, il valore lordo delle merci vendute ha superato gli 800 miliardi di yuan. Tra gennaio e agosto, c’è stato un aumento dell’11,5% nella digitalizzazione.

RED Mall è anche conosciuto in Cina come Xiaohongshu, dove condivide un nome e un account di social network. È la piattaforma più affidabile per lo shopping di cosmetici e la condivisione della rete. Più di 30 marchi di lusso si sono uniti a RED Mall. Molti di loro hanno anche organizzato eventi in live streaming per dare a più consumatori cinesi l’opportunità di incontrare il marchio.

Navigare su Tmall: una guida al lusso

Tmall, Wechat e RED Mall sono le piattaforme più popolari per promuovere i marchi di lusso in Cina. Tmall riferisce che oltre 200 marchi di lusso hanno aperto negozi digitali sulla piattaforma in Cina dal 2020. Questo ha portato a un aumento del 130% del valore delle vendite.

Se un marchio è nuovo nel mercato cinese online, dovrebbe scegliere i canali digitali che hanno un’infrastruttura incorporata. Questo permetterà loro di entrare nel mercato rapidamente e facilmente. Dovrebbero scegliere tra Tmall, JD.com e una società nazionale più piccola come Pinduoduo. Anche WeChat può essere un’opzione.

Tmall è il leader del mercato dei beni e servizi di lusso in Cina grazie alle sue dimensioni, alle recenti acquisizioni e al forte marchio. Alexander Wang, Prada e Cartier hanno aperto negozi ufficiali su Tmall negli ultimi mesi, mentre Bulgari ha annunciato che presto ne aprirà uno. Questi marchi sono stati aggiunti alla già impressionante lista di marchi su Tmall. Il recente passaggio della piattaforma al livestreaming significa che sarà un partner ideale per molte multinazionali.

Christina Fontana è il direttore della moda e del lusso di Alibaba Europe. Ha confermato che Tmall, la più grande piattaforma di coinvolgimento dei clienti in Cina, ha una vasta gamma di marchi e curatela di contenuti. Fontana ha detto che una volta che un marchio si è iscritto, può rivolgersi a qualsiasi consumatore, che si tratti della Generazione Z o di un acquirente Urban Silver. La nostra piattaforma può indirizzare ogni utente con diversi punti di contatto.

Tmall offre ai marchi di lusso una varietà di segmenti che sono diversi dai suoi concorrenti. Questo può rendere difficile la navigazione per i nuovi arrivati in Cina. Tmall Classic, Tmall Global e The Luxury Pavilion sono solo alcune delle molte opportunità che il panorama online di Alibaba offre ai marchi per costruire il loro marchio, commercializzare, commercializzare e vendere in Cina.

Tmall Classico

Tmall Classic richiede alle marche di avere stock o prodotti in Cina. Tmall utilizza algoritmi che personalizzano la pagina di un cliente in base alle sue precedenti abitudini di acquisto. Confrontano anche le promozioni e calcolano le migliori riduzioni di prezzo.

Una volta creato il negozio, i marchi saranno responsabili del suo funzionamento. Questo include il design, le immagini, il servizio clienti e anche il servizio post-vendita. Secondo Fontana, le marche decidono quali prodotti mostrare o vendere. Spesso, i marchi meglio preparati sono quelli che hanno successo. Si possono aprire diversi negozi sullo stesso mercato per vendere diversi prodotti, segmenti o linee di distribuzione.

La piattaforma non ha costi significativi, a parte le tasse annuali e i costi di gestione. Le commissioni di vendita dipendono dalla categoria a cui si appartiene. Fontana dice che le commissioni possono essere rimborsate se si supera una certa soglia. La differenza di costi tra Tmall Classic e Global si riduce alle tasse di importazione.

Per gestire le loro operazioni quotidiane, la logistica e l’e-commerce, i marchi devono lavorare con i partner di Tmall. Possono anche aprire un negozio per un marchio utilizzando i marchi. La piattaforma certifica e valuta i TP trimestralmente.

Josh Gardner è l’amministratore delegato di Kung Fu Data. Agisce come partner di E-Commerce, specializzandosi nell’analisi dei dati, nel monitoraggio del marchio e nello sviluppo del business all’interno dei più grandi e-marketplace della Cina. È anche un partner di Tmall. Crede che Tmall funzioni in Cina perché ci si può fidare. “Tmall è approvato. Gardner spiega che è uno status symbol per il commercio ufficiale di un marchio. “I consumatori possono essere sicuri di avere la documentazione adeguata e di aver soddisfatto tutti i requisiti per essere ammessi sul sito. Tmall è uno status insider che fa parte di qualcosa di più grande.

Secondo Statista, Alibaba aveva 711 milioni di utenti attivi sui suoi siti di shopping online in Cina alla fine di dicembre. Alibaba non ha rivelato cifre comparabili. Gartner incoraggia i marchi a considerare se sono abbastanza forti per il lancio. Il 90% dei negozi Tmall ha un fatturato inferiore a 5.000.000 RMB, e il 5% più di 10.000.000 RMB. Assicuratevi che la vostra brand equity sia abbastanza forte da rendere l’impresa fattibile.

Tmall globale

Tmall Global, un mercato transfrontaliero, è stato lanciato nel 2014. Tmall Global permette ai marchi di vendere oltre i confini e di aggirare i severi requisiti di registrazione dei prodotti in Cina. È un forte concorrente di JD.com e VIP.com, così come di Xiaohongshu e dei venditori daigou affermati.

Tmall Global permette ai marchi di commerciare in Cina senza la necessità di un’entità legale. È anche utile per i marchi che non soddisfano i requisiti di test della Cina, come le aziende cosmetiche, che devono condurre test sugli animali. Questi ostacoli possono essere superati e i regolamenti controversi ribaltati dalle aziende che rifiutano i test sugli animali, come Fenty Beauty.

Tmall Global è anche un luogo ideale per i marchi per testare come vengono ricevuti i loro prodotti. Secondo Fontana, questo permette alle aziende di capire il mercato cinese e come operano i loro concorrenti in Cina. Spesso, i marchi fanno poi il salto offline o su Tmall Classic. Tuttavia, indipendentemente dalla piattaforma, le aziende devono avere una chiara strategia e obiettivi per affrontare l’e-commerce in Cina.

Fontana ha citato Calzedonia, un marchio italiano, come esempio di piattaforme di salto per aiutare la Cina a raggiungere la sua visione. Ha detto che hanno un piano triennale per espandersi nella vendita al dettaglio fisica. Tmall ha permesso loro di scoprire quali prodotti erano più popolari e da dove veniva la domanda. Sono passati da nessuna presenza a una presenza globale e hanno aperto un negozio fisico un anno e mezzo dopo”. Il marchio gestisce un classico negozio Tmall, che è più redditizio e ha anche scorte in Cina.

È più facile passare da Global a Classic una volta che un marchio è stato stabilito online. Spesso è più facile utilizzare lo stock esistente sulla terraferma quando i marchi sono pienamente funzionanti in Cina tramite Tmall Classic.

Anche Gardner crede che questa strategia abbia senso. Aggiunge che Tmall on Global fornisce supporto alle marche, il che beneficia notevolmente i loro negozi. Dice che la Global può aiutarvi ad iniziare, ma poi potete passare al mercato nazionale, che può darvi da cinque a dieci volte più affari. Sono bravissimi a portare risorse ai negozi e a procurarti traffico gratuito. Senza questo supporto morirete.

Padiglione del lusso

Alibaba ha lanciato Luxury Pavilion nel 2017 come un servizio su invito. Ora ospita 180 marchi di lusso come Chanel, Valentino, Burberry, Bottega Veneta e Burberry. La riprogettazione 2018 del sito ha incluso una scheda chiamata “Casa” che permette ai marchi di lusso di invitare solo. Questo è stato fatto per aumentare la sensazione di lusso del sito. La piattaforma di e-commerce online di Net-a-Porter, Richemont, ha lanciato un negozio di punta al Pavilion nel 2019. Ha anche introdotto marchi come Balmain, Jimmy Choo e Chloe sul sito.

L’aggiunta da parte di Alibaba di Luxury Soho all’offerta del Padiglione ha segnato l’ingresso della più grande azienda cinese di e-commerce nel mercato degli outlet di lusso. Questa strategia mostra il desiderio del gruppo di estendere il ciclo di vita del prodotto sul Padiglione. Questa nuova iniziativa permette di acquistare prodotti stagionali a prezzi scontati. Si rivolge ai giovani consumatori di lusso, dalle città cinesi di basso livello o agli acquirenti della Generazione Z, che sono “nuovi al mondo del lusso”.

L’iniziativa ha lo scopo di aiutare le marche a liberare il loro inventario in eccesso. Tuttavia, in un mercato che si sta appena riprendendo, quest’ultima iniziativa potrebbe rivelarsi difficile in futuro. Questo secondo Tom Griffiths, direttore di Verb China. Ha detto che Alibaba ha alcuni dei migliori programmi di lusso del mondo. “Tuttavia, Luxury Soho potrebbe finire per danneggiare il marchio Pavilion, che doveva essere un rifugio sicuro per i marchi di lusso online in Cina”, ha detto.

Il nuovo programma mette gli articoli a prezzo pieno accanto a quelli scontati delle stesse marche. Sarà interessante vedere come questo cambiamento influenzerà la percezione del padiglione dell’industria del lusso, che si basa sulla scarsità. Griffiths ha spiegato che gli articoli di lusso esclusivi sono venduti in modo diverso dai prodotti del mercato di massa e che “se un canale non è visto come un’esperienza di lusso, smorzerà il consumo”. Dobbiamo analizzare come Alibaba posizionerà il lusso scontato, e se questo funzionerà nell’élite intelligente della Cina.

Tutte le piattaforme cinesi hanno bisogno di una seria strategia di marketing

Alibaba ospita il cinquanta per cento delle transazioni online della Cina. A prima vista, il sito globale per le marche internazionali può sembrare più attraente del sito tradizionale. Le piattaforme Luxury Pavilion e LuxurySoho potrebbero anche essere modi interessanti per raggiungere un pubblico pronto. Non è sorprendente che i marchi di lusso di tutto il mondo abbiano lavorato duramente per aumentare il loro profilo digitale al fine di lanciarsi su queste piattaforme.

Queste piattaforme possono essere utilizzate da alcune marche per scopi cosmetici. Gardner si concentra sul processo attraverso il quale un consumatore si interessa a un marchio. Ha detto che Tmall non è una piattaforma di attivazione. “Ho bisogno di sapere come una persona è stata influenzata a comprare. Crea una domanda da parte di un KOL? Puoi tracciare il loro momento di interesse o il momento in cui fanno una transazione. Questo vi aiuterà a decidere quale strada prendere.

La cosa più importante da ricordare quando si va online è di raggiungere i consumatori cinesi in Cina. E più specificamente, quali tipi di acquirenti sta cercando un marchio. Tmall ha più di 10 milioni di venditori, il che significa che queste piattaforme non sono solo “costruiscilo e verranno”. Ecco perché i marchi hanno bisogno di una strategia di marketing mirata e di un grande budget.

Anche se la piattaforma ha una portata enorme, è costosa da investire. Fontana ha detto: “Abbiamo aggiunto 100.000.000 di utenti l’anno scorso, ma devono conoscere il tuo marchio”. Fontana ha detto: “Se pensate di poter investire in questo mercato senza marketing, vi sbagliate. Devi raccontare ai consumatori il tuo prodotto e ciò che ti rende speciale. Non appariranno magicamente nel tuo negozio.

Tmall e il padiglione del lusso – Specchi magici, Blockchain e un algoritmo segreto con Mei Chen

Tmall, sotto l’ombrello dell’onnipotente Alibaba Group, è il posto dove essere se si vuole vendere ai clienti cinesi. Ecco alcune cifre dalla rete Alizila di Alibaba in vista dell’11.11 (alias lo stravagante Singles’ Day dello shopping): “Più di 200.000 marchi parteciperanno a questo 11.11”, ha detto Alibaba. 22.000 di loro verranno da 78 mercati d’oltremare. Verranno offerti un milione di nuovi prodotti. Più di 500 milioni di persone parteciperanno alle 24 ore, circa 100 milioni in più dell’ultima volta.

I numeri della Cina sono davvero impressionanti. I marchi di lusso devono essere in grado di offrire qualità e quantità, ed è per questo che è stato creato il padiglione del lusso. La “app all’interno di un’app” di Tmall è un paradiso del lusso dove i marchi di fascia alta possono avere la stessa esperienza di fascia alta dei loro negozi fisici.

Mentre i marchi stranieri sentono parlare di Alibaba e Taobao, Tmall Global e il padiglione del lusso, The Luxury Conversation ha incontrato Mei Chen, responsabile del lusso e della moda di Alibaba Group nel Regno Unito e in Spagna, Portogallo e Nord Europa per saperne di più e immergersi nel mondo dell’e-commerce in Cina.

Cominciamo dall’inizio. Cosa sta succedendo tra Taobao e Tmall Global e il padiglione del lusso?

In poche parole, Taobao rimane una piattaforma C2C. Ecco perché Tmall è stato fondato nel 2008. La piattaforma si concentra ancora sulla moda, sia per le donne che per gli uomini. Allineandosi ai regolamenti del governo nel 2014 Tmall Global è stato lanciato per rendere più facile per le aziende internazionali di attingere al mercato cinese senza avere un’entità cinese, un team o un conto bancario.

Anche senza infrastrutture o capacità, possono servire il mercato cinese. Tmall Global è il mercato transfrontaliero B2C di Alibaba. È stato creato per soddisfare la sempre crescente domanda dei consumatori di prodotti di alta qualità e per fornire un’esperienza di shopping di alta qualità. La piattaforma è progettata per aiutare i marchi a raggiungere il loro pubblico di riferimento in modo che l’esperienza del cliente sia la migliore possibile. Lo fa utilizzando l’analisi in tempo reale per ottimizzare le vendite dei marchi.

Era chiaro che i marchi di lusso occidentali volevano un migliore accesso al segmento più ricco. Tuttavia, Tmall non era l’ambiente giusto per loro. Pertanto, l’azienda ha lanciato Luxury Pavilion nel 2017.

Non è in un’app separata su mobile, ma è nell’app. Anche se si può trovare su Tmall, l’esperienza Luxury Pavilion offre qualcosa di molto speciale ed esclusivo. I marchi sono invitati solo al Padiglione del Lusso.

Questa non è una decisione presa solo dallo staff di Tmall. I dati mostreranno quali marchi di lusso i consumatori considerano di lusso.

La segmentazione è stata fatta anche per il consumatore. L’applicazione mobile Tmall mostrerà l’icona Luxury Pavilion ai consumatori di lusso che l’algoritmo ha identificato.

L’icona è ancora disponibile per coloro che non ce l’hanno. Possono accedervi entrando nel Padiglione del Lusso nell’app Tmall. Hanno ancora accesso, ma l’icona rappresenta il vostro potere d’acquisto di lusso. È disponibile per tutti. Puoi ancora entrare in qualsiasi negozio di marchi di lusso in qualsiasi parte del mondo, ma potresti non avere pieno accesso agli eventi speciali o agli inviti.

L’algoritmo utilizzato per identificare i consumatori di lusso non si basa solo sui marchi che cercano, ma anche sulle celebrità che seguono e sui film che guardano. Prende anche in considerazione il loro stile di vita.

Tmall ha quasi 700 milioni di clienti. Il numero di clienti nel Luxury Pavilion è inferiore, ma i tassi di conversione sono più alti perché sono segmentati. I clienti vengono al Padiglione del Lusso per comprare e fare acquisti.

Il padiglione del lusso non è solo costruito con marchi di lusso che i consumatori cinesi considerano lussuosi, ma anche basato sul servizio clienti. Le esperienze di lusso transfrontaliere possono rendere difficile l’esperienza di lusso definitiva. Anche se l’ordine è ottimizzato, la consegna può richiedere fino a 3-5 giorni. Per il Luxury Pavilion, il lasso di tempo può essere molto più breve. Questo è il motivo per cui i marchi che sono già sulla piattaforma principale di Tmall, e non su Tmall Global, possono fare domanda per il Luxury Pavilion.

Tutti i marchi elencati nel Padiglione del Lusso, Chanel, Burberry, e tutti gli altri marchi, hanno negozi Tmall. Tuttavia, sul Padiglione del Lusso, l’ambiente è più controllato. Sono proprio accanto ai loro vicini di lusso ed è più facile fare acquisti di lusso, sia dal punto di vista del marchio che del consumatore.

Tmall permette ai marchi di sentirsi ancora più in alto con i recenti sviluppi. Anche se Zara e Apple non fanno parte del padiglione del lusso, l’ambiente di Tmall può ancora sembrare lussuoso. A volte è chiamato “Tmall 2.0”.

Quali sono le domande e le preoccupazioni più comuni che i marchi internazionali hanno su Tmall Global?

Tmall Global ha mantenuto la sua posizione come la più grande piattaforma di e-commerce transfrontaliera in Cina. Tmall Global offre ai clienti cinesi i prodotti stranieri più popolari. Tmall Global ospita attualmente più di 20.000 marchi di oltre 4.000 categorie, 77 paesi e regioni.

Il numero di marchi sulla piattaforma è cresciuto rapidamente, da 5.400 nel 2016 a più di tre volte quel numero oggi.

I marchi internazionali potrebbero non sapere che non c’è bisogno di una licenza commerciale cinese per utilizzare la piattaforma. Questo è qualcosa che a volte può scoraggiare i marchi dal commerciare in Cina.

Il programma Global Source di Tmall Global è un altro aspetto che molte persone non conoscono. Utilizza la tecnologia blockchain e i big data per tracciare ogni passo del viaggio di un prodotto importato, dalla produzione all’ispezione di terzi allo sdoganamento. Questo dà ai consumatori la sicurezza di sapere esattamente cosa stanno comprando e da dove viene.

Anche gli utenti più attivi di Tmall Global sono nati tra il 1990 e il 1999. I dati di Tmall Global del 2018 mostrano che quasi la metà degli utenti attivi di Tmall Global erano nella fascia di età 18-28.

Quali sono le sue principali tendenze dell’e-commerce? Quali tecnologie stanno avendo il maggior impatto?

I consumatori sono sempre alla ricerca del meglio delle esperienze di shopping online e offline. Questo ha un impatto sul comportamento delle piattaforme di e-commerce.

Un esempio recente è il brand experience center di Tmall nel centro commerciale K11 di Shanghai. Tmall ha collaborato con le marche per organizzare attività pop-up in questo spazio. Questi includono una mostra sulla cultura di strada da parte del marchio di scarpe da skate americano Vans, esibizioni dal vivo di gruppi musicali e giochi immersivi sul ghiaccio.

L’esperienza inizia online quando Tmall invia gli inviti ai clienti preferiti del marchio, ma chiunque può iscriversi utilizzando il sito del Tmall Club, l’unità di marketing esperienziale della piattaforma. I marchi possono valutare l’interesse iniziale dei consumatori per aiutarli a impegnarsi meglio con loro offline.

La tecnologia AR è la chiave per migliorare l’esperienza di shopping su Tmall. I marchi vogliono che gli acquirenti si sentano più vicini ai prodotti che stanno comprando. Questo può essere visto sulle homepage dei venditori, dove sono disponibili contenuti AR e 3D, compresi gli specchi magici che permettono agli acquirenti di provare attraverso l’intelligenza artificiale.

Alcuni dati sulle abitudini dei consumatori cinesi?

La ricerca di McKinsey mostra quanto il mondo offline e quello online siano strettamente legati per i consumatori cinesi. Solo il 7% degli acquisti di abbigliamento viene fatto offline, mentre l’8% viene fatto interamente online. Al contrario, il 49% di tutti gli acquisti sono veramente omnichannel. Il 32% può valutare online e fare un acquisto offline. Solo il 4% può toccare e sentire il prodotto offline e poi comprarlo online.

Inoltre, il consumatore medio cinese trascorre 358 minuti online al giorno, o poco meno di sei ore. Questo significa che i social network hanno avuto un impatto significativo sul viaggio del consumatore cinese. Mentre nel 2017 solo il 37% degli acquirenti scopriva nuovi prodotti attraverso i social network, ora il 50% dei consumatori li scopre attraverso i social.

Il passo successivo nel viaggio del consumatore è la valutazione di un prodotto. Nel 2017, solo il 26% dei consumatori ha usato i social per recensire un prodotto. Oggi, il 48% dei consumatori usa le piattaforme sociali per informarsi sui potenziali acquisti.

Il 25% degli acquirenti cinesi ora fa acquisti attraverso le piattaforme dei social media quando compra beni e servizi. Questo è un aumento di tre volte rispetto al 7% di due anni fa. Nel viaggio dell’acquirente, il ruolo del mercato è particolarmente interessante. Gran parte della scoperta e della ricerca avviene nello stesso ecosistema della transazione. I clienti usano Tmall per una media di 27 minuti al giorno.

Secondo i nostri ultimi dati, 20 paesi/regioni sono stati i primi venditori transfrontalieri verso la Cina, tra cui Germania, Spagna e Francia (dati 2016).

Molti marchi di bellezza e di moda vengono dalla Francia, dall’Italia e dal Regno Unito. Questi marchi hanno avuto molto successo in Cina tramite Tmall Global di Alibaba. Queste marche includono Charlotte Tilbury e MartiDerm. I marchi europei sono noti per i loro materiali di alta qualità, il design di lusso e gli stili di vita lussuosi.

I consumatori cinesi sono sempre più sofisticati, soprattutto la generazione Z (post 1900, 2000), e vogliono esprimersi attraverso i loro vestiti e i loro corpi. I marchi di nicchia sono anche molto richiesti per questo motivo.

Quali sono le caratteristiche più notevoli dei consumatori cinesi di lusso in termini di come acquistano e comprano certi articoli popolari?

Dati recenti hanno dimostrato che la Cina è responsabile di più spese di lusso del resto del mondo tra il 2012-2018. Il consumatore medio di lusso spende 80.000 RMB all’anno in beni di lusso. Questo equivale a 11.500 euro.

Questo è dovuto in gran parte alle persone nate dopo il 1980, che rappresentano circa 10,2 milioni di consumatori di lusso. Insieme, rappresentano più della metà dei beni di lusso spesi dai consumatori cinesi nell’ultimo anno fiscale.

I principali fattori che influenzano le decisioni di acquisto sono il marchio e il design, con il 72% dei nati dopo il 1980 che dichiara che questo è il fattore più importante. Questo è seguito dal tessuto/materiale (8%).

Se si includono i nati dopo il 1990, il 54% degli acquirenti che acquistano esclusivamente marchi di lusso dicono di essere fedeli a cinque o meno marchi. Questa cifra scende al 29%.

È interessante notare che il 55% degli acquirenti di lusso nati dopo il 1980 ha detto che comprerebbe di più se un servizio di AI raccomandasse un prodotto perché corrisponde a un prodotto che già possiede. Il 57% degli intervistati ha detto che comprerebbe di più se potesse provare l’articolo di persona. L’esperienza in negozio rimane essenziale quando si tratta di acquistare un prodotto. I consumatori di oggi si aspettano che i marchi forniscano servizi personalizzati e guidati dalla tecnologia, sia in negozio che online.

Parlaci del tuo progetto

Siamo l'agenzia digitale più visibile in Cina

Contattaci

Ultime Notizie sul Digital Marketing in Cina

Il film Unexpected Wonders di Bvlgari in Cina è un successo

Nel film a marchio Bvlgari "Meraviglie inaspettate", un viaggio alla ricerca di un miracolo inizia nella capitale eterna, Roma. Bvlgari ha collaborato con Paolo Sorrentino, premio Oscar e noto regista italiano, per creare le immagini oniriche.…

Leggi di Più >

Commercio elettronico di lusso in Cina, le ultime notizie

Il mercato cinese dell'e-commerce di lusso è in declino? La pandemia di Covid-19 nel 2020 ha causato un boom di vendite di lusso online. Secondo Bain & Co, le vendite online rappresenteranno circa il 26% di…

Leggi di Più >

In Cina: i marchi di moda devono imparare a condividere e collaborare

La collaborazione Peacebird x Susan Fang Il marchio di moda Peacebird è meglio conosciuto per i suoi abiti e camicie. Tuttavia, ha collaborato con la designer locale Susan Fang. Quest'ultima collezione presenta elementi dello stile di…

Leggi di Più >

In Cina, il denaro dei bambini è il più facile da guadagnare

Secondo i mercati di consumo cinesi, il denaro dei bambini può essere guadagnato più facilmente. Il mercato cinese dei prodotti e servizi per bambini è esploso a 4,5 trilioni di yuan (695 miliardi di dollari), secondo…

Leggi di Più >

I marchi di lusso devono vendere sull’e-commerce in Cina

Tendenze chiave nell'e-commerce I marchi di lusso stanno cercando nuovi modi per far fronte allo stress causato dalla pandemia, che ha reso difficili i viaggi internazionali. Per generare vendite, decine di marchi di lusso, tra cui…

Leggi di Più >

Gucci in Cina

Cosa possono imparare i marchi di lusso sulla narrazione del marchio da Gucci? Il brand storytelling può essere uno dei compiti più difficili per qualsiasi marchio. È più importante di qualsiasi altra categoria per i marchi…

Leggi di Più >

Leave a Comment

Your email address will not be published.